Tag

, , , ,

Il Presidente Obama ha appena firmato una legge di attuazione della Riforma Sanitaria, la cosiddetta Obamacare, per la quale tutte le scuole, laiche e religiose, sono tenute a includere nei piani di assicurazione sanitaria dei loro dipendenti l’utilizzo di contraccettivi, al fine di consentire allo Stato il rimborso delle spese per il loro acquisto.

Resosi conto che il terreno cominciava a franare sotto i piedi, le gerarchie vaticane hanno accusato Obama di intromettersi nei loro affari. Hanno fatto sapere, inoltre, che non obbediranno e imporranno ai fedeli di votare per il partito repubblicano alle prossime elezioni presidenziali.
Che abbiano sopravvalutato le loro forze lo provano le seguenti considerazioni.

L89% degli statunitensi pensa che sia giusto controllare le nascite.
Una percentuale ancora più alta è dell’avviso che fare le leggi sia un compito dei
rappresentanti eletti democraticamente dal popolo.
Oggi la stragrande maggioranza dei cattolici,  italiani inclusi, votano con la loro testa. I tentativi degli uomini in gonnella di influenzarli quindi non hanno nessuna possibilità di successo.
I politici americani non hanno niente a che fare con i brainless clown italiani, i quali, per mendicare qualche consenso, assumono nei loro riguardi un atteggiamento ridicolmente servile.

Le gerarchie vaticane non riescono a incidere come una volta nella vita degli italiani. Figuriamoci che cosa possono fare negli Stati Uniti dove la loro presa sulla politica si avvicina sempre più allo zero.
Se non si tireranno indietro, pertanto, perderanno la faccia, come l’hanno perduta e continueranno a perderla in tutti i Paesi che intendono legalizzare i matrimoni gay o riconoscere agli omosessuali il diritto di adottare bambini. Il loro tempo è finito. Se ne facciano una ragione.

Advertisements