Tag

, , ,

Governments collapse when leaders don’t listen to citizen’s demands for change.

Il bunker in cui si è chiusa la Merkel è assediato dai socialisti francesi, dai comunisti greci, dai rivoltosi olandesi, dagli antieuropeisti irlandesi, dai precari italiani, dai sindacati iberici e da orde di musulmani sempre più invasati.
Dopo avere sperperato le ricchezze delle nazioni, adesso gli accaniti sostenitori del rigore “sine qua non” minacciano la sempre più folta schiera dei loro oppositori, ma non fanno paura a nessuno.


Hanno voglia, infatti, di ripetere che “gli investitori non avranno più fiducia nei mercati“, “si fermerà tutto“, “l’aumento delle spese provocherà un’ondata di licenziamenti, il fallimento di numerose aziende, la reazione dei sindacati e l’esplosione di una serie di conflitti sociali”. Abbiamo espresso a chiare lettere la nostra volontà di cambiamento e non abbiamo nessuna intenzione di innestare la retromarcia.
Dobbiamo tornare all’economia reale, alla centralità del lavoro e alla nazionalizzazione dei servizi. Abbiamo già lottato per questi obiettivi e non ci fermeremo davanti a niente per conseguirli.


Siamo stanchi di vedere i soliti opportunisti che, invischiati nelle solite trame e ripetendo le solite cose, sostengono i mercati finanziari senza curarsi del popolo che fa fatica a tirare avanti. 

Annunci