Tag

, , ,

The endeavours to encircle Russia with the excuse to protect the east european countries by an assault of Iran has urged Putin to threaten a preemptive attack against Poland and Romania.

La Russia ha chiesto diverse volte agli Stati Uniti di organizzare una conferenza per trovare una via d’uscita da una situazione pericolosa o rinunciare ad accerchiarla dispiegando missili ai suoi confini. Ma finora non ha ricevuto una risposta.

Putin ha deciso allora che era arrivato il tempo di avvalersi della superiorità del potenziale nucleare russo per metterli con  le spalle al muro.
Il compito di rivolgere un monito inequivocabile alla Nato è stato affidato al Generale Nicolai Makarov, Capo delle Forze Armate Russe.

“Se la conferenza che abbiamo richiesto non sarà indetta entro un termine ragionevole” – ha sillabato il Generale – “siamo pronti a sferrare un attacco preventivo contro le basi Nato di quei Paesi che dispiegheranno il sistema antimissile americano, come la Polonia e la Romania.
“I piani della Nato saranno contrastati installando missili Iskander a corto raggio nella enclave russa di Kaliningrad al confine con la Polonia.”

“Se questo non basterà perché la Nato rinunci all’idea dell’accerchiamento, difenderemo la nostra integrità territoriale ricorrendo a strumenti di guerra più persuasivi.” 
A causa della testardaggine di Obama si sta creando ancora una volta dunque il clima di tensione che aveva caratterizzato i tempi della guerra fredda.
Dopo le sconfitte subìte in Georgia, Iraq, Siria, Iran e Afghanistan, la posizione assunta dagli Stati Uniti appare assolutamente inesplicabile.

Advertisements