Tag

, , , ,

After pushing the mercenaries to withdraw, the loyalists are ready for the final battle. The leadership will be assumed by the youths.

Le notizie che seguono non sono state riportate dai media mainstream occidentali, perché alla Nato non è gradito che si venga a conoscenza dello sconcerto che i lealisti hanno causato tra le fila dei mercenari che operano in Libia.
Un elicottero che trasportava 25 mercenari e dieci ufficiali del CNT è stato abbattuto nel sud del Paese.
Un Mirage si è schiantato nella regione di Kasr El Hamrouiya. I francesi hanno diffuso la voce che si è trattato di un guasto tecnico, ma i lealisti dicono che è stato colpto dalla loro contraerea.

Alcuni mercenari alla guida di camion pieni di armi e munizioni sono rimasti vittime di un agguato dei resistenti verdi. I mercenari sono stati imprigionati e il carico è stato sequestrato.
Dall’inizio delle  ostilità hanno perduto la vita quasi 1.500 contractors assoldati dal governo britannico.
Continuano sempre più violenti gli scontri armati per l’accaparramento delle raffinerie di petrolio.

Una bomba a mano è stata lanciata contro un convoglio dell’ONU di cui faceva parte l’inviato libico presso le nazioni Unite.
La notizia più sconfortante, tuttavia, è quella di un gruppo di mercenari che, saputo che non avrebbero ricevuto il salario, sono entrati con le armi in pugno negli uffici del CNT, hanno sparato in aria, lo hanno saccheggiato, hanno aggredito il segretario del leader e infine sono usciti alla ricerca di persone indifese da torturare e tombe da violare nei cimiteri cristiani.

Alla luce di questi avvenimenti, la Resistenza Verde ha fatto sapere che la sua preparazione alla guerra civile è quasi completa, per cui tra non molto darà inizio alla battaglia finale per liberare la Libia dagli stranieri.

Annunci