Tag

, , , , ,

 Il vaso è traboccato

Una carrellata di manovre lacrime e sangue, imposte sui consumi, liberalizzazioni che riducono i già miseri guadagni dei lavoratori, tagli alla spesa pubblica, licenziamenti di migliaia di statali hanno già provocato la sollevazione dei ceti sociali che vivono nel disagio e stanno dando vita a numerosi Movimenti sempre più determinati a difendere il diritto dei cittadini a vivere dignitosamente.

Repubblica Ceca e Regno Unito si sono rifiutati di ratificare il Trattato Europeo che istituisce un Fondo Salva Stati e l’Irlanda ha indetto un referendum perché i cittadini partecipassero a una decisone così importante. II governo italiano invece, pur sapendo che ratificarlo vuol dire rinunciare ad ogni investimento futuro per lo sviluppo, non ha trovato niente da obiettare all’imposizione di pagare circa 50 miliardi di euro l’anno per abbattere il debito in 20 anni, consegnando in tal modo per sempre la nostra sovranità ai banchieri e ai tecnocrati che curano i loro interessi.
Da qualche giorno, inoltre, stanno pensando a come indurci dire di SI all’ennesimo taglio agli  stipendi e alle pensioni.
Queste mosse ci porteranno in breve tempo a una forte contrazione dei consumi davanti alla quale ai banchieri altro non resterà che chiedersi tra loro crediti inesigibili finché il Sistema affonderà tutti.
Come se tutto questo non bastasse, la Russia ha annunciato che a partire dal 20 marzo sospenderà l’importazione di bovini e suini dall’Europa, perché sono affetti da una malattia infettiva.

Questa è la goccia che ha hatto traboccare il vaso. Ma i banchieri reagiscono come se non l’avessero capito e continuano ad affermare che l’Italia è salva e ben presto continuerà a crescere.
Si illudono ancora di prenderci per i fondelli, ma noi sappiamo che le loro promesse sono fandonie e non tardereremo a dimostrarlo.

Annunci