Tag

, , , , , , , ,

La Nato è l’ultimo Re nudo

Le notizie che stanno arrivando a getto continuo dalla Siria hanno mutato in certezze le convinzioni dei cittadini che non si sono lasciati incantare dai maestri della disinformazione.
La rivolta contro gli orrori di Assad, come quella per salvare i civili dai crimini di Gheddafi, è stata orchestrata dai servizi segreti dei Paesi occidentali per invadere gli Stati che si rifiutano di aprire nuovi mercati alla loro sovrapproduzione.

Le notizie riguardanti quello che avviene in Siria provengono tutte dall’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, tenuto in piedi da un certo Rami Abdel Rahmane, un installatore di antenne che vive a Coventry al quale è stato dato il compito di raccogliere le notizie che riceve dagli insorti siriani e passarle ai media occidentali.
Non essendo controllato da nessuno, questo signore prendeva nota solo delle informazioni conformi alle sue idee, le rimesticava a suo piacimento e infine le dava ai media occidentali, che le spacciavano per la quintessenza della verità.
Nel frattempo i guerriglieri, venuti a sapere che l’ONU aveva condannato le violenze e chiesto alla Russia di aprire un corridoio umanitario sul suo territorio, hanno fatto esplodere un oleodotto, costringendo l’esercito siriano a intervenire in due sobborghi di Damasco con blindati e mortai.
Qualche tempo prima un gruppo di mercenari aveva assassinato uno scienziato siriano, Issa-Al-Kholi, che era anche un medico di valore.

La determinazione del Presidente siriano e l’abilità dei diplomatici russi hanno iniziato, tuttavia, a dare i primi frutti. Uno sciopero generale indetto dal Consiglio Nazionale Siriano, che doveva dar voce a una protesta oceanica, si è risolto, infatti, in un clamoroso flop.
Quando poi Lega Araba e Nato hanno annunciato che non sarebbero intervenuti in Siria con i loro eserciti, diversi guerriglieri si sono consegnati alle autorità e l’esercito ne ha subito approfittato per disarmarli e scacciare dal Paese le ultime bande di predoni.
Alcuni reparti governativi, inoltre, hanno catturato mercenari e forze straniere e li hanno immortalati in numerosi video che nelle prossime ore saranno diffusi sulle TV nazionali.


In questi giorni l’esercito sta assediando la località di Baba Amro, considerata la roccaforte dei criminali al soldo della Nato.
Fonti arabe, infine, hanno confermato che l’esercito giordano ha arrestato un gruppo di terroristi che cercavano di infiltrarsi in Siria.
Considerata la situazione, gli occidentali hanno deciso di provocare la Bielorussia con  il consueto embargo.
La reazione di Lusashenko è stata immediata. “La nostra risposta – ha detto – sarà assai più dura di quanto l’occidente non possa immaginare.”