Tag

, , ,

I pacifisti tornano a farsi sentire

La minaccia di un intervento militare, le sanzioni, l’assassinio degli scienziati iraniani e le prove di forza nel Golfo Persico hanno sortito effetti diversi da quelli in cui il governo degli Stati Uniti sperava.
Dapprima i pacifisti americani e poi quelli del resto del mondo si sono svegliati, infatti, da un sonno che durava da più di un decennio.

I leaders del Nuovo Mondo non sono mai stati tanto isolati. I Paesi Asiatici, del Sud America e del Nord Africa si sono alleati contro i banchieri asserragliati nel bunker del mercato globale senza regole per difendere con le unghie e con i denti tutta una serie di privilegi incompatibili con la democrazia.

Il 4 febbraio il Movimento contro la guerra in Iran realizzerà il National Day Action, affinché quelli che non pensano che a dominare il mondo si liberino di questa ossessione.
Il Movimento ha già inviato volantini con la scritta NO WAR a diverse famiglie americane e ha chiesto loro di impegnarsi per la riuscita della protesta.
L’iniziativa avrà luogo in numerose città americane. Vi prenderanno parte gli attivisti iraniani iscritti alla House of Latin America e i rappresentanti dei Paesi che fanno parte dell’International Action Center.
Sono già arrivate adesioni dall’Irlanda, dal Canada, dall’India e dal Bangladesh.

 http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=28773