Forti con i deboli e deboli con i forti

Decretare una serie infinita di sanzioni economiche, minacciare continui sfracelli e mostrare la faccia feroce contro chiunque si opponga ai loro diktat non servirà a fermare il declino degli Stati Uniti, anzi li renderà ridicoli agli occhi del mondo.
E’ stato sufficiente che la Russia, per impedire agli esportatori di democrazia di tornare ad appoggiare i ratti libici che hanno tradito il loro Paese, chiedesse al Consiglio di sicurezza un dibattito sui crimini della Nato in Libia perché ricominciasse la guerra tra i lealisti e i ribelli. Il 4 gennaio scorso, infatti, ci sono stati scontri in numerosi quartieri di Tripoli e i primi hanno promesso che si riprendereranno la loro nazione.
E’ stato sufficiente che la Russia mandasse due navi da guerra al largo delle coste siriane perché le forze di opposizione desistessero dal fare attentati contro i palazzi del potere, per accusare poi il regime di violazione dei diritti umani e invocare l’intervento straniero.
E’ stato sufficiente che la Russia assicurasse la sua protezione nel caso che Stati Uniti l’attaccassero perché l’Iran rispondesse alle loro dimostrazioni di forza, prima con le esercitazioni della Marina nel Golfo Persico, poi annunciando che la prossima esercitazione sarà svolta dalle truppe scelte della Guardia Rivoluzionaria e che ha già dato inizio alla costruzione di un nuovo sito sotterraneo e pertanto inattaccabile per arricchire l’uranio.
Americani ed israeliani si devono convincere che i rapporti di forza sono cambiati e nessuno è disposto a subìre ulteriormente le loro prepotenze.

Annunci